interference
interference
eng
de
es
it
it
tr
 
px px px
I
I
I
I
I
I
 

px

impressum
contact
archive
px

 

px

 

pxrouge ESSAYS I GIOVANNI OTTONE I IL NUOVO CINEMA TURCO D’AUTORE INDIPENDENTE I 2013

IL NUOVO CINEMA TURCO D’AUTORE

INDIPENDENTE

NURI BILGE CEYLAN,YESIM USTAOGLU, DERVIS ZAIM, REHA ERDEM ZEKI DEMIRKUBUZ, SEMIH KAPLANOGLU E I LORO EREDI

 

 

GIOVANNI OTTONE, 05/02/2013, ROMA

"Three Monkeys " di Nuri Bilge Ceylan

Bilge Ceylan

px
px

In Turchia, tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del nuovo millennio, quando il settore cinematografico entrò in crisi (l’età dorata del sistema Ye?ilçam, che, negli anni’60 e ’70, garantì circa 150 lungometraggi nazionali prodotti all’anno, giunse ad esaurimento), emerse una nuova generazione di registi indipendenti, che hanno rilanciato il cinema d’autore, realizzando films di qualità con budget limitati. I più rappresentativi di quella che può essere considerata la terza generazione del cinema turco (essendo nati nel corso degli anni ’60) sono: Nuri Bilge Ceylan, Ye?im Ustao?lu, Zeki Demirkubuz, Dervi? Zaim, Semih Kaplano?lu e Reha Erdem. Sebbene ogni film sia un progetto diverso e i collegamenti fra i filmakers citati non definiscano un vero e proprio movimento culturale, si può affermare che condividono un background professionale e produttivo comune: la non frequentazione di scuole di cinema; l’apprendimento attraverso la produzione di cortometraggi; il costante e decisivo riferimento al proprio patrimonio autobiografico, da cui deriva il fatto che molto spesso sono anche sceneggiatori dei loro films; la residenza ad Istanbul dove negli ultimi 15 anni sono aumentate le facilitazioni tecniche e distributive a favore del cinema indipendente. Inoltre condividono un ethos cinematografico. Si tratta di un cinema personale con una grande varietà di stili e di approcci alla narrazione, ma che, in un’ottica assolutamente moderna, esprime un tratto comune: la valorizzazione visiva del non detto e del non agito, quindi delle emozioni che la commozione o la monotonia della vita quotidiana impediscono di esprimere apertamente. In quasi tutti i film più significativi degli ultimi 20 anni esistono personaggi incapaci di parlare o a disagio con la parola o incapaci di far comprendere agli altri i propri sentimenti anche quando ne parlano. Le assenze di vere conversazioni sono direttamente collegate all’impossibilità di esprimere i turbamenti personali in termini di comunicazione. Sono il segno di un linguaggio naturalmente limitato, ma anche della malinconia e della frustrazione.

sepulveda

"Bulutlari Beklerken", Yesim Ustaoglu

Peraltro, in molti casi, il non detto riguarda soprattutto problematiche sociopolitiche, quali la discriminazione, i pregiudizi, la violenza occulta, la crisi di identità e l’amnesia culturale. Si nota il tentativo di far emergere le dinamiche dissimulate dell’egemonia e di mettere in discussione ciò che è stato accettato come “comportamento naturale”. In ogni caso il silenzio, quantunque non in senso letterale o totale, pervade questi films. Vi è quindi una costante rappresentazione di sentimenti inespressi, di assenza di appartenenza e di resistenza alla identificazione con codici sociali predeterminati. Molti dei personaggi concepiscono la propria esistenza in uno spazio transitorio.

I dilemmi che fronteggiano li conducono ad una condizione itinerante di vagabondaggio, quantunque, spesso, siano essi stessi a scegliere deliberatamente questo status per liberarsi dalle convenzioni della loro precedente esistenza. La loro identità è collocata sempre in una sorta di limbo: tra la città e la provincia, tra l’appartenenza etnica e quella politica, o persino tra la razionalità e la follia. I personaggi, in un senso o nell’altro, riflettono lo sradicamento e le contraddizioni del regista nella sua costante ricerca di verità e di identità personale. Questi films contengono spesso problematiche riferibili alle esperienze autobiografiche dei registi: l’ambiente rurale o provinciale, le contraddizioni della vita urbana, la famiglia, la relazione padre-figlio e quella madre-figlio, i contrasti nelle relazioni coniugali o di coppia, l’impegno nel movimento studentesco. Alcuni films esplorano il collegamento tra personale e politico. L’impegno dei personaggi in cruciali battaglie politiche non rappresenta solo l’appartenenza ideologica del regista, ma indica anche il crescente coraggio di molti artisti ed intellettuali turchi disposti a parlare più apertamente di scottanti questioni politiche rouge

 

 

px

px

IL NUOVO CINEMA TURCO D'AUTORE INDEPENDENTE

info

 

Tree Munkeys
 

La Boite de Pandore

 

 
Kader
px
Home Festival Reviews Film Reviews Festival Pearls Short Reviews Interviews Portraits Essays Archives Impressum Contact
    Film Directors Festival Pearls Short Directors           Newsletter
    Film Original Titles Festival Pearl Short Film Original Titles           FaceBook
    Film English Titles Festival Pearl Short Film English Titles           Blog
                   
                   
Interference - 18, rue Budé - 75004 Paris - France - Tel : +33 (0) 1 40 46 92 25 - +33 (0) 6 84 40 84 38 -